Rolando Rovati | Giuseppe Patellaro
161
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-161,page-child,parent-pageid-155,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Giuseppe Patellaro

1993

Tinte forti, stilizzazione arabesca, fondi contrastanti riportano alle scenografie di un grande teatro naturale accattivante e rigoroso sia nella ricerca voluta della sinuosità dei petali e dei lunghi pennacchi piumati, sia nella distribuzione dei colori.

Potremmo trovarci, dinanzi a queste opere, in Malesia fra gli scommettitori sanguinari e vociferanti; oppure immersi nella quiete fascinosa della hall di un albergo del grande Gatsby; l’ importante è vivere ambienti e reminiscenze esotiche; un rifugio artistico nei meandri della cultura filmica e nel ricordo di viaggi reali e immaginari.

Giuseppe Patellaro

è il quadro stesso che pone le sue condizioni, che dà suggerimenti