Rolando Rovati | Luciano Spiazzi
183
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-183,page-child,parent-pageid-155,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Luciano Spiazzi

Bresciaoggi – 1987

La pittura di Rolando Rovati trascorre un’ eccitazione decorativa che sembra discendere dalle vetrate floreali dei primi decenni del secolo.

I colori sono a stesure uniformi attentamente dosate nei passaggi dall’ una all’ altra nota.

La linea è, nei casi migliori avvolgente e preziosa come nello scontro dei galli in cui il gioco in sé feroce è risolto in una fantasmagoria che ricorda le curve filanti dei fuchi d’ artificio.

Qua e là una sovrabbondanza di elementi grafici e di simboli attenua il vigore di un’ impostazione stilistica che ha il suo pregio maggiore nella consistenza cromatica.

E’ un nuovo personaggio che entra nell’ agone artistico nostrano e va accolto con simpatia.

Ha bisogno di sgombrare il campo, come capita a chi esordisce, dalle troppe cose che urgono contemporaneamente per essere trasferite in immagine, ma indica già un linguaggio riconoscibile e una non comune felicità inventiva.

Luciano Spiazzi

è il quadro stesso che pone le sue condizioni, che dà suggerimenti