Rolando Rovati | Paolo Levi III
16304
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16304,page-child,parent-pageid-191,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Senza titolo, 2015

Paolo Levi

2016

Colorati geometrismi, composizioni che posseggono una loro entropia, variegate opere astratte, memori degli esempi forniti dal futurismo a Ugo Nespolo, danno voce alla creatività di Rolando Rovati. Elementi geometrici armonicamente si compongono e si scompongono secondo una propria legge jnterna sullo spazio pittorico, liberandosi dei canoni tradizionali per assecondare la fervida immaginazione dell’artista. Egli lavora con la tecnica mista scegliendo tonalità intense e cromie in forte contrasto, articolate in uno scandirsi di segmenti, tratti spigolosi e curvilinei, che definiscono il ritmo della composizione. Allusioni astratte, che però non tentano di velare la loro identità originale: lo sguardo dell’osservatore si lascia coinvolgere in questo gioco di decostruzione e ricomposizione della forma nello spazio, trovando spunti per andare oltre il contingente e perdersi negli spazi labirintici dell’immaginario.

è il quadro stesso che pone le sue condizioni, che dà suggerimenti